Celebrazioni del 4 Novembre

Sabato 5 novembre si è svolta a Sarezzo la cerimonia di celebrazione del 104° Anniversario della Vittoria di Vittorio Veneto, del completamento dell’Unità d’Italia e della Giornata delle Forze Armate.

Data di pubblicazione:
06 Novembre 2022
Celebrazioni del 4 Novembre

Erano presenti il sindaco Donatella Ongaro, gli assessori Luigi Paonessa, Rosangela Belleri, Ruggero Gervasoni, Giacomo Cameletti e Massimo Ottelli, presidente della Comunità Montana di Valle Trompia. Inoltre, hanno partecipato alla celebrazione alcune associazioni, il Comandante e alcuni Agenti del Corpo Intercomunale di Polizia Locale e una rappresentanza dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e del Consiglio comunale dei ragazzi.

I partecipanti si sono ritrovati nel piazzale Lorenzo Belleri, da dove si sono diretti alla RSA comunale, accompagnati dalle note della Filarmonica Santa Cecilia, che ha omaggiato gli ospiti della struttura con una breve esibizione.

Il corteo ha quindi percorso via Verdi, via Bailo e piazza Cesare Battisti fino al monumento ai Caduti per l’alzabandiera.

Poi, nella chiesa parrocchiale dei SS. Faustino e Giovita, gremita di fedeli, si è celebrata la Santa Messa. Conclusa la cerimonia liturgica, il corteo ha raggiunto nuovamente il Monumento per la posa della corona d’alloro.

Dopo l’intervento del Sindaco Ongaro, ha preso la parola il Sindaco dei Ragazzi, Giulia Taboni, di cui riportiamo la riflessione: "Nella ricorrenza dell’Unità Nazionale e della Giornata delle Forze Armate, a nome di tutto il Consiglio comunale dei ragazzi desidero ricordare tutti coloro che, anche giovanissimi, hanno sacrificato il bene supremo della vita per un ideale di Patria e di attaccamento al dovere.
Le guerre non servono a nulla, se non ad aumentare risentimento e violenza. Oggi più che mai capiamo l’importanza di saper scegliere la via della pace, del dialogo e del ragionamento"
.

Al fine di commemorare i Caduti, gli assessori della sua  Giunta hanno scelto e letto quattro poesie.

“4 novembre” di Teresa Romei Correggi
Voglio pregare
pei morti in guerra:
sono caduti
per la mia terra.
Signor, prendeteli
accanto a Voi:
sono d'Italia
i puri eroi.
Hanno sofferto
tanto dolore;
a loro pace
date, Signore.

“Canzonetta” di Ugo Betti
I soldati vanno alla guerra.
Vanno, come trasognati
e la notte li rinserra.
La strada cammina, cammina
come una misteriosa pellegrina,
e sulle case addormentate,
tutte le stelle si sono affacciate.
Ma i soldati sono quasi fanciulli,
e si mettono a cantare
la ninna nanna per cullare
una tristezza che non si vuole addormentare.

“Croci di legno” di Diego Valeri
Croci di legno, nude su la nuda,
terra che copre i morti nella gloria;
croci che la battaglia e la vittoria
pianta con le bandiere ovunque va;
siepe di croci a guardia d'una gente,
trincee di tombe a guardia d'un amore;
croci di legno confitte nel cuore,
di tutta la straziata umanità.

“Per il 4 novembre” di Teresa Romei Correggi
Sì, ricordo; ed ogni sera,
sul mio avello porta il vento
di mia madre la preghiera,
di mio figlio il giuramento...
O soldato, che caduto
sei per l'itala vittoria
e a vegliare sei venuto
sull'altare della gloria,
a te il bacio del mio amore
e il garrir del tricolore.

Venerdì 4 novembre, inoltre, anche Zanano ha ricordato i connazionali caduti durante le guerre mondiali, con un momento commemorativo organizzato dagli Alpini e dalla sezione Combattenti e Reduci di Zanano in collaborazione con l’Amministrazione comunale.

Venerdì sera, inoltre, la Biblioteca comunale del Bailo si è illuminata con i colori della nostra bandiera per ricordare e onorare i nostri Caduti, che sacrificarono la loro vita nell’adempimento del dovere verso la Patria.

Ultimo aggiornamento

Venerdi 11 Novembre 2022