Civiche benemerenze

La cerimonia di consegna delle Civiche Benemerenze si terrà mercoledì 1° giugno 2022 alle ore 20 al Teatro San Faustino.

Data evento:
01 Giugno 2022 20:00 - 01 Giugno 2022 22:00
Civiche benemerenze

Durante la serata, verranno consegnale le seguenti Civiche Benemerenze.

FAUSTINO DI BRONZO a Elio Guerini con la seguente motivazione:
“Per il profondo senso civico dimostrato con la partecipazione da oltre 50 anni a numerose attività sul territorio, sia parrocchiali che laiche, al servizio della comunità, esclusivamente per il bene comune. Per essersi inoltre distinto nella sua attività lavorativa per meriti di perizia, laboriosità e buona condotta morale che gli sono valsi la nomina a Maestro del Lavoro. Il suo grande impegno in ogni campo d’azione, lavorando sempre con grande umiltà e discrezione, rappresenta un esempio da seguire, in particolare per le giovani generazioni”.

FAUSTINO DI BRONZO a Giuseppe Bossini con la seguente motivazione:
“Per il suo instancabile e disinteressato impegno nel volontariato, sempre mosso dall’ideale di contribuire a costruire una comunità solidale. In particolare Giuseppe Bossini, operando all’interno dell’Associazione Cittadini quartiere del Gobbia, è impegnato quasi quotidianamente nella manutenzione e gestione del parco “Donatori di sangue”. Proprio grazie al suo instancabile lavoro e di tutti gli altri volontari che fanno parte dell’Associazione oggi il parco è uno dei fiori all’occhiello del nostro territorio, di cui tutta la cittadinanza può godere. Il Comune di Sarezzo è quindi profondamente grato a Giuseppe Bossini e all’Associazione Cittadini quartiere del Gobbia nella sua interezza per il servizio prezioso reso a tutta la comunità”.

FAUSTINO DI BRONZO all’ASSOCIAZIONE AIDO GRUPPO COMUNALE “MONICA BENINI” con la seguente motivazione:
“Per il grande impegno con cui conduce da oltre 40 anni sul territorio una capillare opera di sensibilizzazione sul tema importante e delicato della donazione degli organi e un lavoro, intenso e sempre aperto al dialogo, che consente all’Associazione di portare avanti un cammino efficace e concreto per la diffusione della cultura della donazione come scelta consapevole di solidarietà e gesto di speranza di un ritorno alla vita per le persone malate e sofferenti. Grazie a tutte le attività di sensibilizzazione messe in campo in questi anni, oggi l’associazione AIDO di Sarezzo ha raggiunto il prestigioso traguardo di oltre 1.000 iscritti, che è motivo di orgoglio per tutta la comunità”.

FAUSTINO DI BRONZO a Sergio Piccini - alla memoria con la seguente motivazione:
“Per il suo impegno pubblico nella diffusione delle notizie del nostro territorio per più di 40 anni, voce storica del mondo delle radio locali bresciane. Con il suo lavoro ha saputo valorizzare la nostra valle e la sua storia, portando anche oltre i confini valtrumplini la narrazione dell’eccellenza dei nostri luoghi e della nostra gente. Sergio rimarrà nel cuore di tutti noi per la sua simpatia, la sua spontaneità, il suo carisma e la sua schiettezza”.

CITTADINANZA ONORARIA DI SAREZZO a Giulio Forbitti - alla memoria con la seguente motivazione:
“Il Comune di Sarezzo conferisce la cittadinanza onoraria alla memoria al prof. Giulio Forbitti, scomparso il 13 aprile 2020. Egli è stato per quasi 40 anni insegnante di lettere all’istituto “Primo Levi” di Sarezzo ed è andato in pensione a settembre del 2015. Anche dopo il pensionamento è rimasto attivo nella scuola continuando a dedicare molte delle sue energie al gruppo teatrale “Gianluca Grossi” di cui facevano parte studenti, ex studenti e ragazzi diversamente abili, per il quale per circa 20 anni ha scritto i testi e seguito tutte le fasi della realizzazione degli spettacoli. Il prof. Forbitti ha sempre svolto il suo lavoro con grande passione, che sapeva trasmettere ai suoi studenti. È stato un uomo indimenticabile per le sue doti umane prima che professionali; si dedicava anima e corpo all’insegnamento non solo in senso strettamente scolastico, ma sapeva stimolare umanamente tutti attraverso la riflessione. Ha lasciato un ricordo indelebile in tutta la comunità saretina”.

CITTADINANZA ONORARIA DI SAREZZO a Bruno Platto con la seguente motivazione:
“Il Comune di Sarezzo conferisce la cittadinanza onoraria al dott. Bruno Platto, che è andato in pensione il 31 marzo 2021 dopo oltre 40 anni di servizio prestati a Sarezzo come medico di medicina generale. Egli ha sempre svolto il suo incarico con abnegazione e grande competenza ed ha instaurato con i suoi 1.600 assistiti un rapporto di fiducia e di stima reciproca. Come lui stesso si è definito, è stato il “dottore” e non il medico, mettendo sempre al primo posto la relazione con i suoi pazienti. Anche l’ultimo gesto compiuto prima di congedarsi la dice lunga sul suo attaccamento alla professione e ai suoi pazienti e sulla sua visione del ruolo del medico di base, poiché nell’ultimo giorno prima della pensione ha vaccinato a domicilio contro il Covid tutti i suoi pazienti estremamente fragili, grazie anche alla sinergia con un altro collega di Sarezzo. Per questo ultimo gesto “simbolico”, unitamente a tutto ciò che di bene ha compiuto durante gli anni di servizio trascorsi a Sarezzo, il conferimento della cittadinanza onoraria di Sarezzo vuole rappresentare il ringraziamento doveroso per il suo operato a favore della nostra comunità”.

CITTADINANZA ONORARIA DI SAREZZO a Mauro Zoli con la seguente motivazione:
“Il Comune di Sarezzo conferisce la cittadinanza onoraria al Prof. Mauro Zoli, che è andato in pensione il 31 agosto 2021 dopo oltre 40 anni di servizio prestati a Sarezzo, prima come insegnante e poi dirigente alla scuola media “Giorgio La Pira” e infine, dal 2007 al 2021, come dirigente dell’istituto superiore “Primo Levi”. Egli ha sempre svolto il suo servizio con grande passione, amore e dedizione ed ha accompagnato tanti ragazzi nel loro percorso scolastico rappresentando, con il suo esempio, un importante punto di riferimento per tutta la comunità scolastica. Grazie al suo impegno e alla sua professionalità il nostro istituto superiore è oggi riconosciuto a livello provinciale tra quelli che meglio preparano gli studenti agli studi universitari o al lavoro dopo il diploma. Anche sul piano umano ha lasciato un ottimo ricordo negli studenti, negli insegnanti e in tutti i collaboratori perché negli anni ha saputo conquistarne il rispetto e l’affetto, creando un clima sereno all’interno della scuola”.

 

Nell’occasione saranno premiati anche gli studenti meritevoli con la consegna delle borse di studio e degli assegni di studio relativi all’anno scolastico 2020/2021.

Ultimo aggiornamento

Mercoledi 23 Novembre 2022